collettivo putiferio

Banda Putiferio negli anni si è arricchita di persone che partecipano sovente alle attività live ed in studio
 
Daniele Manini. Cantattore, autore di testi e canzoni sin dai primi anni 80. Ha iniziato con un gruppo col nome in inglese: "Faded Image". Ha continuato con un gruppo chiamato "Circo Fantasma". Oltre ai testi delle canzoni, ogni tanto scrive testi teatrali. In passato ha scritto anche dei testi per i fumetti ("Dynamite") e si intromette con letture poetiche ed incursioni teatrali in ambienti apparentemente colti. Col Barbini ha una discografia variegata.
 
Roberto Barbini. Fisarmonicista, scrive musica dalle scuole medie inferiori. Già nei primi anni '80 suona le tastiere con due gruppi contemporaneamente ("Faded Image", "Underground Life"). Questo non gli impedisce di suonare in tutta Italia isole comprese. Passaggi televisivi, collaborazioni con Litfiba e Alberto Radius. Nei '90, col "Circo Fantasma", appende le tastiere al chiodo e torna al suo strumento principessa: la fisarmonica. Col Manini, oltre a diversi episodi su nastro, cd e vinile, compone pure colonne sonore per il teatro.
 
Enrica Russo, "attrice sui generis", predilige il tragico, ma le è più consono e familiare il ridicolo. La sua passione è logorarsi in estenuanti e inestricabili pensieri sul senso della vita, della morte, ma la sua anima nascosta sogna paillettes e scollature. Più che tendere a Desdemona, il suo io più profondo ambirebbe alla presenza e alla sottile intelligenza della Marini. Ma sa bene di non poter desiderare tanto poiché concorda con De André nel sostenere che, per certe cose, ci vuole almeno un po' di vocazione. Inoltre, essendo stata esclusa più volte da pre-selezioni per aspiranti pornodive, predilige - con una certa sottile vanità - cimentarci genericamente nella recitazione seria e poco remunerativa.
 
Massimo Braga. Suona il basso, ma anche la chitarra in maniera più discreta. Ha militato diverso tempo in formazioni dal genere e nome piuttosto impronunciabili. Predilige l'insegnamento musicale ai fanciulli, ma il suo strumento lo porta a raggiungere dimensioni decisamente più adulte. Virtuoso inconsapevole, ha una deviante inclinazione per il trash mediatico, ma si salva conoscendo a memoria le canzoni di Sid Barrett.
 
Simone Riva. Batterista poliedrico, suona contemporaneamente in numerosi progetti, tra cui spiccano generi che vanno dal rock sperimentale al liscio di concetto. Nel passato ha diviso col Manini il favolistico gruppo wave "Hansel&Gretel" e, ha suonato in alcuni brani del primo cd della Banda Putiferio, "Le stanze dei giochi". Fine compositore prestato ai tamburi.
 
Alessandro Stufano. Chitarrista di matrice jazz, si contamina spesso con il folk uscendone spesso indenne. Ha militato in passato con la splendida compagine degli "Orca". Il Manini ha scoperchiato l'umida tomba dove il buon Stufano riposava in guerra con diversi alunni a lui devoti e lo ha portato con un vello d'oro alla corte Putiferio. Egli ancora non lo ringrazia di ciò (avrà i suoi buoni motivi).
 
Ivan Maggi, batterista e percussionista pavese, ama accompagnarsi a gruppi e cantautori frequentando locali lombardi e consumando bacchette e spazzole con diversi autori, tra cui Daniele Bonadei e Massimo Braga. Con Banda Putiferio ha dei trascorsi di spessore.
 
Elisa Bernazzani. Vispa ed atletica , suona la batteria con il gruppo "Energon", che si aggira in Italia con un repertorio di colonne sonore per cartoni animati. Quando si sente più seria accompagna la cantautrice Alea. Come svago poco monetizzato usa frequentare i Banda Putiferio e suonarci assieme con dovizia di percussioni.
 
Max Donna. Compie studi di batteria jazz con Lucchini e Pellegatti, ma il richiamo della foresta lo spinge verso musiche più rumorose. Prima un disco con gli "Afterhours", poi "Carnival of Fools". Dopo una crisi mistica ed un viaggio in India si pente e si risolve nel progetto " La Crus ", con cui rimane per un lungo periodo ed infine il silenzio. Finalmente. Nel 2003, la resurrezione: "Manini & Barbini" lo chiamano al telefono contemporaneamente e lui, sorprendendosi, risponde: "Perché no?". Dal 2012 sospende l'attività live e mantiene il ruolo strategico di batterista onorario.
 
Gianfranco Tripodi. Chitarrista e suonatore di mandolino, ha frequentato la dura scuola del blues, che, a tutt' oggi gli regala delle soddisfazioni. Nonostante non disdegni affatto i matrimoni, il suo fare chitarristico lo porta a misurarsi con virtuosi musicisti. Conosce gran parte della popolazione mondiale.
 
Daniele Bonadei. Studia chitarra e armonia con Stefano Covri. Registra e suona con cantautori e gruppi spaziando vorticosamente tra i generi e i loro parenti . Ha registrato con l'orchestra del conservatorio G.Verdi di Milano e ne ha combinate di tutti i colori con il suo gruppo del cuore, “Estremi Rimedi”. Gli hanno prodotto un singolo di matrice blues, ma non si vanta lo stesso. Insegna chitarra in diverse associazioni lombarde e, quando capita, collabora con attori e cantanti in studio o sul palco.
 
Alberto Barbero. Musicista e compositore, insegna armonia al Conservatorio di Piacenza; lo ha fatto negli scorsi anni anche a Trento e Sesto S. Giovanni (Mi). Sue composizioni vengono eseguite da diverse formazioni di musica classica e contemporanea nel mondo. Recentemente alla Scala di Milano hanno eseguito un suo tributo a Frank Zappa. Nonostante ciò egli collabora con il collettivo.
 
Silvana Zancolò nasce a Torino, si laurea in filosofia e studia cinema e televisione a Bolzano. Dopo aver lavorato ad un documentario olandese, si ritrova a Milano con la casa di produzione di cartoni animati Crackartoons, con la quale collabora come regista ed editor. Dirige lungometraggi, alcune pubblicità, puntate pilota ed educational. Ha vinto due key award per degli spot e con un suo film ha vinto a Salerno, nel Michigan, a New York, Malaga e Syracuse. Il suo pane sono gli horror, i thriller, i film di fantascienza e i cartoni animati. Vorrebbe essere la prima donna a dirigere un film di 007, ma per ora le sue aspirazioni vengono tenute a bada dalla realizzazione di videoclip del collettivo.
 
Enzo Genesini. Regista, autore multimediale, insegnante di montaggio e produzione, nel tempo ha spostato il proprio lavoro dall’area video legata al teatro (Robert Wilson, Caroline Carlson) e all’arte (Artelaguna, Sogetsu School, Galleria Kaufmann, A. Paci) nell’area delle produzioni legate agli allestimenti di mostre e musei. Nel collettivo riprende dovizioso gli eventi live con scrupolo e dedizione ricambiati. Spesso ride di gusto.
 
Carlo Dulla. Fotografo professionista nel settore documentaristico, artistico, pubblicitario. Si dedica attivamente alla ricerca artistica nei campi della fotografia, video, e installazioni. Sue fotografie si inerpicano e svettano nei meandri live ed in posa della Banda. www.carlodulla.com
 
Marco Manini. Fratello biologico di Daniele è architetto e da sempre si occupa di arte a tutto tondo. Nonostante l’ingombrante parentela egli è riuscito ad esporre sue opere alla Biennale di Valencia, alla Guggenheim Collection di Venezia e al Mart di Rovereto (Tn). E’ animatore e coordinatore di attività ludiche, artistiche e creative per bambini e ragazzi, ha lavorato per la Disney e non se ne vergogna, ed è pure collaboratore fisso della rivista “Inventario”. Illuminanti sono le chitarre distorte, fumetti, videoclip e progetti che produce nel collettivo.
 
Mario Garuti, nato a Modena, insegna Composizione al Conservatorio di Milano. Tiene masterclass e seminari nelle varie università e conservatori d’Europa. Ha collaborato con lo IULM e l’Università degli studi di Milano ed è attivo come saggista. I suoi lavori pubblicati in parte da BMG Ricordi, sono commissionati ed eseguiti in festival internazionali da numerosi interpreti. Con Banda Putiferio ha dei trascorsi di violino che suona destando lo stupore degli astanti.
 
Luciano Margorani è nato Milano. Chitarrista, bassista e “compositore spontaneo”, dal 1982 è attivo sulla scena del rock sperimentale. Ha dato vita nei primi anni ‘80 al duo La 1919 con cui ha pubblicato vari dischi. Ha collaborato, nel corso degli anni, con musicisti come Henry Kaiser, Elliott Sharp, Chris Cutler, Charles Hayward, Franco Fabbri e Umberto Fiori degli Stormy Six. Il suo progetto più recente è Fracture.
 
Paolo Milanesi si è diplomato in tromba nel 1988 presso il Conservatorio di Milano e presso lo stesso istituto ha conseguito la laurea in Jazz nel marzo 2008. Dopo il diploma si è dedicato a una intensa attività concertistica passando dalla musica classica a concerti come solista accompagnato al pianoforte e a gruppi jazzistici. Oltre che con Banda Putiferio, era con i La Crus e partecipa ai progetti teatrali di Mauro Ermanno Giovanardi.
 
Sabrina Sparti, cantante, pittrice. Nata a Milano, inizia studiando canto lirico. Successivamente si dedica al canto Jazz. Collabora in qualità di cantante solista con diverse formazioni vocali e musico-teatrali di musicisti e autori, tra cui Renato Sellani, Antonio Zambrini, Guido Manusardi, Mario Fragiacomo, Andrea Rapisarda e Marco Detto. Ha partecipato a diversi progetti teatrali a Milano, Vercelli, Trieste e Torino.